..Una delle città più belle d'Italia. Addentrarsi nei luoghi del mito e della storia, gustare la miglior pizza. Meravigliarsi delle antiche città ritrovate di Pompei ed Ercolano. Immergersi nel verde di un parco e visitare una delle regge reali della napoli borbonica.. Questo e altro nei miei itinerari..

CHI SONO


Questo blog nasce come diario in cui racconto le mie esperienze e le mie emozioni nello svolgere il mio lavoro di Guida Turistica della Regione Campania

Il blog per alcuni anni ha funzionato come web site per prommuovere tours & itinerari. Dal 2015 visitare Napoli torna ad essere un blog di attualità partenopea e cede il suo posto al più moderno Sito Web "DISCOVERING NAPOLI" (www.campaniaguidedtours.com ) dove potete trovare tutti i servizi per le vostre visite guidate , eseguite da guide turistiche abilitate e professionisti del turismo

domenica 7 gennaio 2018

ITINERARI


sabato 20 agosto 2016

NAPOLI, UNA FRANCESE, UNA BRITANNICA E UNA ITALIANA : Culture a confronto sulla città partenopea



Perchè non importa da dove vieni. La tua opinione sarà sempre simile alla loro al momento che decidi di vivere la città... In questo post raccolgo tre diversi articoli scritti da diverse testate e persone nel periodo estivo. Seppur di nazionalità età ed esperienze  diverse, le tre donne qui elencate danno una versione di Napoli molto simile tra loro :
Christian Thimonier è il console genale della francia e direttore del Grenoble. Dopo tre anni è giunto il suo momento di lasciare Napoli e ritornare in patria. Prima di farlo però, il direttore ci tiene a rilasciare le sue considerazioni sul capoluogo campano : "
il mio colpo di fulmine risale al periodo della crisi dei rifiuti, quando sono arrivato da turista per la prima volta nel 2010: ciò per dire quanto il mio amore sia incondizionato, perché quel momento mi ha permesso di scoprirne contemporaneamente la buona e la cattiva sorte. Mi ero ripromesso di ritornarci per scovare il mistero di questo fascino contraddittorio. Avevo amato e continuavo a scoprire ogni giorno il modo inimitabile, disinvolto e intimo dei Napoletani di animare (vivere) la loro città e la loro storia... Il patrimonio incommensurabile di Napoli, materiale ed immateriale, continua ad incantarmi».
Quando il mio vicino di casa mi ha chiesto cosa avrei portato via da Napoli. Non ho saputo cosa rispondere in quel momento. La mia risposta oggi è: Napoli è una lezione permanente di tenacia, di umanità e di volontà di vivere, che non si deve tralasciare per la nostra Europa dal difficile divenire. Lascio Napoli senza piangere ma con la speranza di tornarci per amarla meglio ancora, con meno lacrime ma sempre con l’incanto di Partenope.»
 Il Financial Times: "Napoli irradia un fascino unico e seducente"
L'altra persona è la giornalista britannica Jo Ellison che lavora per l'auorevole Financial Times.  La Ellison si trova a scrivere di Napoli nell'ambito dell'anniversario di Dolce & Gabbana tenutosi a Napoli nel mese di Luglio. Il Financial Times: "Napoli irradia un fascino unico e seducente"
Scrive la giornalista :  Ancora oggi la città deve lottare contro la sua reputazione di violenza sociale e politica. I fans della serie televisiva Gomorra, la riconosceranno come una città dall'infinita corruzione e crimine".e ciò cozza e falsa enormentente con quanto dichiarato e mostrato nella kermesse da Domenico Dolce. "
Il Financial Times: "Napoli irradia un fascino unico e seducente"
Ogni famiglia qui vive nella cultura e ha le sue radici nel mestiere, proprio come l'alta moda. Napoli è una delle città più creative della terra."


L'ultima testimonianza estiva ci viene dal nostro bel paese ed è di Fabiana Lo Coco, una ragazza di Vigevano  di 27 anni di cui riporto le sue parole scritto sul suo profilo facebook




"Mi hanno chiesto se sono ancora a Napoli.
 Credo di sì, ho risposto. E forse è vero.
Mi sembra di sentire ancora l'odore dell'asfalto e dei motorini, misto a quello del mare. 
E la pizza. Quel profumino delizioso a cui proprio non puoi resistere, e allora sì, ti lasci subito convincere a passeggiare lungo quelle stradine strette, dai palazzi altissimi dove le signore si sporgono dal balcone a parlare e ad aiutarsi a vicenda a stendere i panni, mentre assapori una pizza a portafoglio avvolta nel cartone, desiderando che duri il più a lungo possibile. E, una volta finita, non resisti comunque, perché lì non puoi non andare avanti ad assaggiare prelibatezze, devi per forza passare al babbà. alla sfogliatella, alla granita al limone, al caffè.
Mi sembra di sentire ancora le canzoni di Pino Daniele fischiettate tra una via e l'altra, mentre senza quasi accorgertene leggi fuori dai locali frasi in rigoroso dialetto napoletano, che ti fanno annuire per quanto sono vere e al contempo scuotere la testa con il sorriso sulle labbra per quanto sono assurde. E mentre pensi "non ci posso credere", ti ritrovi avvolto dalla gentilezza e dalla disponibilità di chi vive lì e ti fa sentire come se fossi a casa tua.
Rivedo la frenesia, tra tutti quegli odori, i sapori e le voci che senti, e la sporcizia che per quanto strano possa sembrare, completa il quadro di una città che altrimenti non sarebbe la stessa. 
Credo di non esagerare, paragonandola ad una donna passionale, spontanea, libera e strafottente. Una donna che ama camminare a piedi scalzi e chi se ne frega se per terra è sporco, e che se la importuni non ci pensa mezza volta ad alzare il dito medio, perché lei non ha paura di fare quello che vuole. Una di quelle donne che amano essere prese e baciate contro un muro, mentre le mani si infilano dappertutto. 
Sì, se Napoli fosse una persona, sarebbe veramente una donna così.
Una di quelle che però, poi, al tempo stesso ha un'eleganza unica e solo sua: ed ecco che così ti affacci da Castel Sant'Elmo e la vedi in tutto il suo splendore, senza filtri, trucchi o inganni, con addosso il mare e, in lontananza, il Vesuvio che la controlla con quel solco centrale che sembra un sorriso.
E ti perdi a cercare dall'alto quel pezzetto di cuore che forse si è incastrato a Spaccanapoli tra un negozio e l'altro, o forse chissà, è rimasto da qualche parte sul lungomare di Margellina. 
Sì, Napoli è questo, e non esistono altre parole per descriverla, solamente viverla in tutti i suoi colori e le sue sfumature, lasciandosi travolgere anche da ciò che non funziona per poterla apprezzare a pieno. Perché è proprio come la vita in fondo, piena di pregi e difetti. 
E come tutte le cose che vale la pena vivere, mentre la osservi da lontano dopo averla vissuta pienamente, ti accorgi che tutta quella frenesia, tutte quelle voci, tutti quegli odori, tutte quelle sfumature, ti mancheranno ma resteranno per sempre con te.
No, non sono ancora a Napoli. Non fisicamente, almeno.
Ma con la testa e il cuore sì.
E voglio ringraziarla per tutte le emozioni che in questi tre giorni meravigliosi ha saputo donarmi; perché, lo ammetto, di città ne ho girate un bel po', ma ciò che mi ha saputo trasmettere Napoli non me l'ha trasmesso nessuna, mai. 
Ciao Napulè, tu si 'na cosa grande pe'mme." 


E Quest'ultima mi sembra la più spontanea e bella dichiarazione d'amore letta negli ultimi tempi e con la quale termino il nostro articolo . :-)

Fabio Comella
Guida Turistica abilitata nella Regione Campania
DISCOVERING NAPOLI  
Tour e visite guidate
www.campaniaguidedtours.com  
Potrebbe interessarti:http://www.napolitoday.it/cronaca/financial-times-napoli-sfilata-dolce-gabbana.html
Seguici su Facebook:http://www.facebook.com/NapoliToday



Potrebbe interessarti:http://www.napolitoday.it/cronaca/financial-times-napoli-sfilata-dolce-gabbana.html
Seguici su Facebook:http://www.facebook.com/NapoliToday

mercoledì 22 giugno 2016

NAPOLI è ( di ) MODA!

Dal set napoletano di Dolce & Gabbana


 E non ci riferiamo solo al boom turistico di cui la capitale del sud Italia è protagonista in questi ultimi  anni ma proprio al settore della moda con il famoso brand Dolce & Gabbana che sembra essersi innamorata della città!

Per la famosa casa stilistica la moda, quella vera, quella capace di trasmettere emozioni, ha infatti confini del Regno delle due Sicilie. E così, dopo la frutta e le anfore della Trinacria, i due stilisti hanno dapprima  scelto il palcoscenico più evidente della Napoli popolare, il centro antico, per la loro nuova campagna pubblicitaria. I vicoli, le voci, la musica, tutto esaltato dalla autenticità dei protagonisti per poi spostarsi ai primi di luglio nella meravigliosa zona di Posillipo con un vero e proprio galà con tanto di sfilata! I due stilisti sono entusiasti della città dichiarando " Le strade di Napoli sono piene di meraviglie, c'è sempre qualcosa di inatteso che accade: Un caffè, una serenata una tarantella" La gente di napoli è la migliore al mondo ,very strong"!
 "Abbiamo scoperto la gente dei vicoli continua Dolce in un intervista al mattino, la loro spontaneità, l'amore e la passione che ci mettono per tutto quello che fanno. Non sapevano più cosa offrirci"

Molti sanno  che le sfilate e i negozi di Milano sono quelle dove le persone possono ammirare il meglio della moda ma tanti altri saranno sorpresi nel venire a conoscenza che grandi stilisti di fama indiscussa vivono e lavorano nella città partenopea. 

 
Il titolare dello storico negozio "Marinella"

 Napoli infatti ,  non è assolutamente nuova al fenomeno della "moda" con la sua sartoria napoletana famosa fin dal 1800 in tutta Europa e soprattutto per la moda maschile : Scarpe e guanti erano molto richieste dai viaggiatori stranieri e dall'alta borghesia che chiedevano di essere confezionati abiti su misura!  
Nascono quindi manifatture uniche come la manica a mappina e la spalla alla napoletana "Quest'ultima è  infatti  più alta rispetto ad altre e la manica è volutamente tagliata più grande dell'attaccatura. Da non dimentica poi è  la cravatta a sette pieghe . L'eccellenza napoletana è sicuramente il negozio "Marinella" situato alla riviera di chiaia e arrivato ormai alla sua terza generazione! Ora i Marinella hanno aperto uno show room a Milano e vendono nei migliori negozi per uomo in Europa, Asia e New York!
Altri sartorie e industrie storiche nel campo della moda e magari di più comune budget sono i negozi napoletani di abigliamento  "Fusaro " (1893)  e "Gutteridge " (1878) situati nei vari quartieri della città.

Terminato l'excursus storico ritorniamo a Dolce  & Gabbana e il suo evento di luglio dove sono attese Dolce & Gabbana a Napoli luglio 2016
cinquecento camere d’albergo già prenotate una cena di gala per 400 vip nella baia di Posillipo, sfilate sulla spiaggia di Palazzo Donn’Anna. Castel dell’Ovo e Spaccanapoli, e una madrina d'eccezione: Sofia Loren.

Lo stage dell'evento: il bagno Elena

 Parecchie le  anticipazioni. La spiaggia del Bagno Elena, su cui si affaccia anche il ristorante stellato Palazzo Petrucci, dovrebbe essere il set della cena di gala del 10 luglio: tavoli in spiaggia, candele e un servizio barche per gli ospiti vip a bordo di super yacht. Previste tre sfilate per presentare le anteprime del prossimo anno, mentre un temporary store resterà aperto un mese. Il Castel dell’Ovo sarà la passerella della moda uomo.







Potrebbe interessarti: http://www.napolitoday.it/cronaca/dolce-e-gabbana-napoli-7-10-luglio-2016.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/NapoliToday




Fabio Comella
Guida turistica abilitata per la regione Campania
DISCOVERING NAPOLI
Tour e visite guidate
www.campaniaguidedtours.com

giovedì 16 giugno 2016

IL RINASCIMENTO NAPOLETANO. NAPOLI COME NUOVA CAPITALE DEL TURISMO?!



Read the english translation, click here

Da blogger ho trovato interessante scrivere questo articolo. 

Il suo interesse và al di là della politica o dei numeri delle presenze turistiche di cui ho già ampliamente scritto nei precedenti post. Il suo interesse risiede nel fatto che : 
1) è la traduzione di un articolo in lingua inglese pubblicato dal portale "fugitive traveller" 
2) che è diventanto difficile trovarlo in rete , molte pagine non lo mostrano più. 

Ad ogni modo l'articolo tratta di come e quanto sia cambiata in meglio Napoli negli ultimi 5 anni sotto l'amministrazione dell'ex magistrato Luigi De Magistris 

Di seguito quindi proseguo con la relativa traduzione :

"Vado a Sorrento il mese prossimo"
- Davvero? Fico! Visiterai anche Napoli?
"Napoli affoga nei rifiuti e non voglio essere sparato se devo essere sincero."

Questa è una conversazione reale ,forse venuta fuori dal fatto di aver visto troppa tv deleteria, che io ho avuto qualche tempo fa con un mio collega in Inghilterra

L'immagine di Napoli all'estero era invevitabilmente associata con la mafia e la spazzatura

Nel 2010 solo il 35% delle stanze d'albergo era occupata da turisti

Questo scenario incredibilmente è cambiato dopo l'elezione di De Magistris sindaco nel 2011 che ha raddoppiato le presenze in soli tre anni

Sembra che De Magistris stia ridando il titolo a Napoli di capitale del mediterraneo
Il sindaco ha inziato la raccolata differenziata a porta a porta , il restauro dei monumenti a costo zero e migliorato i traporti pubblici.

Oggi giorno Napoli è piena di turisti, vibrante culla di arte e cultura

Il lungomare : è amorevole godersi la città grazie alla restrizione del traffico sul lungomare e centro storico. Capitare nei colorati e vivaci barcaioli o godersi il cibo di strada e i suoi paesaggi mozzafiato





L'idea del successo di questa bellissia città non è merito di un sindaco eroe ma  della sua idea di partecipazione democratic. Il sindaco sta cercando di aprire un dialogo con la gente comune tramite una agorà pubblica

.... Grazie a tutto questo Napoli è migliora di molto negli ultimi cinque anni ragione per la quale è ora una capitale del turismo...."

Credendo che un articolo che riguardi il nostro paese debba essere scritto  e quindi letto anche nella nostra lingua ho ritenuto giusto tradurlo e pubblicarlo

Fabio Comella

Guida turistica abilitata per la regione Campania
DISCOVERING NAPOLI 
Tour e visite guidate
www.campaniaguidedtours.com


NAPLES , NEW CAPITAL OF ITALIAN TOURISM




Leggi la traduzione in italiano, clicca qui

When I started to work as tour guide I was so exicited!

My travel agent used sent me to the archeological excavation of Pompeii , it was amazing!

Pompeii is one of the most famous tourist and archeological place in the world. It has more than 2 milions of visitors every year. The most visited after the colosseum in Rome.

Working in Pompeii make you stronger, you've chanche to meet a lot of people coming from everywhere.It seems the whole world is there!
Me in Pompeii during the tour


At yet after the first period I started to feel a little bit confuse. Pomeii, Capri, Amalfi coast , Herculaneum. This is all. And Naples? no popular at all. It was a shame, at least for me. I live there. and especially I 've a different skill respect some my collegues. I got the graduation in historical and cultural heritage so I was more specialized in art museum, churches, monuments of gotic, renaissance and baroque time. Of course I had to study the archeology extra to overpass the exam to be a licensed tour guide but... what do i do with all my knowledge about the art?  about my heritage city?

I was so simpleton at that time that I thought my travel agent didn't want send me in my town for some reason. I also saw some my collegue work in Naples although not with english speaking

So ... why don't ask directly to my guests if they stopped in Naples or even if they have visited it and here are some answers they gave me . Same answers  today I read to a website with an article called : "The mayor turns naples in into the capital of toursim "(http://fugitivetraveler.com/neapolitan-renaissance-luigi-de-magistris-turns-naples-into-the-capital-of-the-italian-tourism// )  and reason why I chosen to write this article.
However, anwers were : "what's to see there? - it's dangerous! It's dirty . why had to go there? Oh I just saw the port/trainstation."
 Luckily a lot changed!
  

"Looks like De Magistris is giving back to Naples the title of capital of Mediterranean.

The mayor has made the change possible balancing the budget of the municipality, recovering the monuments of the city at zero cost to the community, implementing recycling collection door to door and improving the public transportation. Nowadays Naples is plenty of tourists, vibrant cradle of culture and art.
Naples landscape
Napoli waterfront 
It’s lovely to enjoy the city thanks to traffic restrictions on the waterfront and in the historic centre, bumping into coloured and lively paddlers (most of them now legalized!), enjoining delicious street food and viewing breathtaking landscapes.
seafood Neapolitan pizza
Seafood Napolitan Pizza
The key of success of this beautiful city is not an heroic mayor but is his idea of participatory democracy. He is trying to open a dialogue with common people, building a great popular agora"

Thanks to all this. Naples has improved a lot in the last five years and this is why is now a European capital of the tourism. It’s a city that gives you the possibility to travel as a local and on a budget because promotes local and familiar shops and activities. Because all of this Fugitive Traveler support Luigi De Magistris as mayor of the metropolitan city of Naples. 

(The last 2 pictures and paragraphs in the inverted comas are taken from fugitraveler.com)

Fabio Comella
Qualifed tour guide for the region Campania
Guided tours :
www.campaniaguidedtours.com